:::: MENU ::::

Blog

  • Mar 31 / 2015
  • 0
News

Appalti:L’impresa fallisce?i lavori svolti vanno pagati

Cassazione: l’impresa ha diritto al pagamento, ma deve risarcire l’ente appaltante in caso di ritardi e inadempimenti;

L’appaltatore ha diritto al pagamento delle opere effettuate prima della sentenza di fallimento. Lo ha stabilito la Corte di Cassazione con la sentenza 4616/2015.

Nel caso preso in esame dalla Cassazione, un’impresa aveva vinto una gara per la realizzazione di alcuni insediamenti artigianali, ma aveva poi dichiarato fallimento. Il curatore del fallimento aveva però chiesto il pagamento dei lavori realizzati fino a quel momento.

Continue Reading

  • Mar 30 / 2015
  • 0
News

Il 31 marzo 2015:ultima data per la trasmissione dei dati sanitari da parte del Medico Competente

L’allegato 3B del D.lgs 81/08  è il modello attraverso il quale viene effettuata la trasmissione dei dati sanitari  e di rischio dei lavoratori soggetti a sorveglianza sanitaria.

Da chi e come viene effettuato l’invio dell’allegato 3B?

Tale invio deve essere effettuato dal Medico Competente, in quanto depositario dei dati sanitari e attuatore della sorveglianza sanitaria; i suddetti dati devono essere inviati ai Servizi Competenti territoriali. Dal 2014 tale invio viene effettuato per via telematica attraverso il portale INAIL, mediante un apposito modello, a cui il Medico Competente accede con credenziali personalizzate. La trasmissione può essere effettuata solo per via telematica e non cartacea.

In particolare il 31 marzo 2015 è il termine ultimo per l’invio dei  dati relativi alla sorveglianza sanitaria effettuata durante tutto l’anno 2014 (art. 40, decreto legislativo 81/2008 e s.m.i., all.3B). Infatti la legge prevede che l’invio sia espletato entro il primo trimestre dell’anno successivo a quello di riferimento.

Continue Reading

  • Mar 11 / 2015
  • 0
News

Infissi, quando si applica l’Iva al 10%

L’Iva agevolata al 10% sui lavori di ristrutturazione trova dei limiti nei beni significativi, tra cui rientrano gli infissi. Lo ha spiegato l’Agenzia delle Entrate con la risoluzione 25/E/2015 dei giorni scorsi.

Il Fisco ha ricordato che gli interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria degli immobili ad uso abitativo beneficiano dell’Iva agevolata al 10%.

L’aliquota ridotta vale sia per la realizzazione dei lavori sia per la fornitura dei beni necessari alla realizzazione dell’intervento. Fanno eccezione i beni significativi, cioè quelli che costano più dell’intervento in sé per sé. Rientrano tra i beni significativi quelli indicati dal DM 29 dicembre 1999, come ascensori e montacarichi, infissi esterni ed interni, caldaie, videocitofoni, apparecchiature di condizionamento e riciclo dell’aria, sanitari e rubinetterie da bagno, impianti di sicurezza. Continue Reading

Pagine:1...56789101112